Archivi tag: ricordi

Le preghiere

Aveva cinque anni Camilla e cantava, cantava così forte che la sua voce arrivava a Dio. Andava a messa tutte le domeniche nella piccola chiesa di campagna, dove c’era un organo che aveva tante canne argentate e chi lo suonava … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti | Contrassegnato | 3 commenti

Prendi pure ogni cosa di me

Prendi pure ogni cosa di me, ogni mia cosa Ciò che resta è rimasto lì, abbandonato nella tua tasca sinistra – quella col buco – dove sorrisi e monete scivolano a terra per strada, nel fondo della notte, dove i ricordi – uno … Continua a leggere

Pubblicato in Riflessi opachi | Contrassegnato , , , | 4 commenti

Ricordi

Appoggiati sul filo della mente come piccoli uccelli migratori i ricordi si allineano leggeri ordinati aspettano il momento giusto per partire. Sembrano tutti uguali, eppure ciascuno ha il suo respiro il suo angolo di cielo, ma l’estate della vita è … Continua a leggere

Pubblicato in Riflessi opachi | Contrassegnato , , , , , , , | 14 commenti

Ci sono sere

Ci sono sere come questa in cui proprio non riesco a scrivere nulla che sia buono, buono a liberare questa confusione muta. Tre spilli piantati nella gola trattengono un matassa arruffata e sfilacciata di emozioni consumate. Il primo spillo è … Continua a leggere

Pubblicato in Riflessi opachi | Contrassegnato , , , | 6 commenti

Ricordi

“Cichi ?” “Siii?” “ Ha smesso?” “Oh cazzo Nena, è la quarta volta che me lo chiedi, non ha smesso e non smetterà fino a domattina. Non chiedermelo più, per piacere.” “Ciiichiii?” “Che cazzo hai ancora!?” “Ma ti pare il … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti | Contrassegnato , , , , | 8 commenti

Estate

Piccoli occhi azzurri della madre si nascondono nel verde per non esser calpestati, fila di moscerini come pire di ricordi si innalzano senza toccare il cielo prima che la notte arrivi, spighe dorate del re della terra difendono l’estate da … Continua a leggere

Pubblicato in Naturalmente | Contrassegnato , , , , | 1 commento

Palafitte

Non ho mattoni per costruire Stanze d’amore Né cemento per armare il cuore Su palafitte fragili e sconnesse accolgo amanti Di passaggio Protetta dal mare torbido dei ricordi

Pubblicato in Riflessi opachi | Contrassegnato , , , , , | 10 commenti