Archivio dell'autore: Grazia Bruschi

Informazioni su Grazia Bruschi

Posso essere rondine per tornare, foglia per cadere. Posso essere tutto mentre scrivo, anche felice. https://graziabruschi.wordpress.com/

Emarginati

Vagano nella notte come spettri senza meta Di giorno si accucciano esausti sui bordi delle strade Rannicchiati sui marciapiedi, clandestini indesiderati. Sono così gli amori impossibili. Soli, abbandonati, emarginati. Assuefatti dal rifiuto, elemosinano attenzione Eppure – instancabili – non si … Continua a leggere

Pubblicato in Follia, Io ti amoro | 4 commenti

Infinitamente, per poco

Infinitamente ti ho avuto Per poco Ma gli occhi di gatto col topo li ho visti E quel tempo è memoria di fame Di caccia, di trappole e gioco Amore di unghie che diventano bocca Carne per denti mai stanchi … Continua a leggere

Pubblicato in Io ti amoro | 4 commenti

Te la senti

Te la senti appiccicata addosso – sai – La paura Come tappezzeria ammuffita di un’anima invecchiata Spaventata dai giorni, dagli amori E da incubi feroci che mordono il cassetto.   Te la senti risuonare dentro – sai – La malinconia … Continua a leggere

Pubblicato in Naturalmente | 4 commenti

Nel giorno del mio compleanno

Il privilegio della vita va respirato ogni minuto e accarezzato con dolcezza Diventa fiore e fatti raccogliere scorri nell’acqua e precipita nella pioggia prova a dissolverti – almeno una volta in una tazza di caffè e se fumi prova la … Continua a leggere

Pubblicato in Naturalmente, Senza categoria | 8 commenti

Prove di haiku

Elfica donna Sulla luna dondola Un lupo guarda   Cadeva lenta la neve sul tuo viso fatto di luce   La donna sola immersa nella notte cerca la luna   Sessanta giri alcuni su te stesso Il tempo vola   … Continua a leggere

Pubblicato in haiku, Senza categoria | Lascia un commento

un ricordo

Quella sensazione di surfare sulla vita si impossessa di te E non ti accorgi di nulla – Sei innamorato – E non sei altro Solo innamorato

Pubblicato in Io ti amoro | 1 commento

Identità

Cercala questa identità, cercala in un nome, nel tempo che è volato, nel ritmo del respiro. Cercala negli occhi dei tuoi figli nel sorriso della madre, in quel dolore che fu dell’abbandono, nel letto vuoto e nelle notti insonni. Cercala … Continua a leggere

Pubblicato in Riflessi opachi | 2 commenti