I fiori dei tigli

Dei tigli i fiori guardano la terra

Come piccoli occhietti cercano la madre

Le corolle sottosopra restano strette strette

Ammucchiate, sorprese, aggrappate ai rami

Piccoli mazzetti di gioia

Che hanno perso la rotta del cielo

Storditi dal loro stesso profumo

Annunci

Informazioni su Grazia Bruschi

Posso essere rondine per tornare, foglia per cadere. Posso essere tutto mentre scrivo, anche felice. https://graziabruschi.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Naturalmente e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a I fiori dei tigli

  1. intesomale ha detto:

    Ma chi ha decretato, da un cielo da una terra da una nuvola da un tavolo chi, dei tigli, ha deciso il profumo? Quale dio porta la colpa del loro perdersi, quale demone ha firmato con taglio nella pelle il verdetto della loro gioia? A chi porteremo le spoglie consumate, i loro petali marciti di dolcezza, quando l’estate anziana ci insegnerà l’ora di pulire e il riposo delle api?

  2. Insenseofyou ha detto:

    Storditi dal loro stesso profumo, che stempera in languore la fine di un estate.

  3. gaiagertrude ha detto:

    Soave!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...